Il nostro cashmere e la nostra idea di responsabilità sociale

Il cashmere che utilizziamo proviene da allevamenti Nepalesi e Mongoli, perché proprio le specifiche condizioni climatiche himalayane, con estati calde e inverni rigidi, ha portato gli animali (capre hircus) a sviluppare un pelo con le caratteristiche termiche specifiche del cashmere.

Tutti gli animali vengono allevati in libertà da allevatori spesso nomadi che trovano nel commercio del cashmere un’importante fonte di sostentamento. Quando si compra un prodotto in cashmere si sostiene un’economia fragile basata su comunità con uno stile di vita peculiare che trovano nell’allevamento dalle capre sia una fonte alimentare che una risorsa economica per la vendita del filato.

Rispetto ad altri materiali, il cashmere ha un bassissimo impatto ambientale in quanto le capre si alimentano solo di erba spontanea che non inquina in nessun modo l’ambiente dato che non vengono utilizzati ne pesticidi ne fertilizzanti. Gli animali non vengono sottoposti a cure farmacologiche preventive e la raccolta del pelo viene fatta con spazzolatura a mano, una volta all’anno in primavera quando la capra hircus cambia il pelo senza danneggiare l’animale. Purtroppo ogni capra produce solo 100-200 gr di fibra naturale all’anno e proprio la quantità così limitata comporta a prezzi elevati.

Inoltre per il processo di lavorazione vengono utilizzati solo detergenti a basso impatto, per la pulizia della fibra, e nessun altro prodotto chimico se non i coloranti svizzeri non azoici ed eco-friendly. Trame Pure per l’abbigliamento neonato a scelto di utilizzare il cashmere naturale, senza coloranti per offrire il prodotto più naturale possibile.

Visitiamo personalmente le fabbriche dove vengono prodotti i capi per verificare il non sfruttamento di manodopera infantile, orari di lavoro allineati agli standard europei (dalle 9 alle 17 per 5 giorni a settimana) e ambienti luminosi e areati.

X